A causa della difficile situazione dovuta alla diffusione del Covid-19, il Gruppo Villari ha il desiderio di informare e condividere, con tutti i colleghi del settore e non solo, importanti informazioni riguardanti alcuni provvedimenti introdotti a livello aziendale, per proteggere i nostri collaboratori e la nostra attività lavorativa nel miglior modo possibile. A sostegno del corretto comportamento richiesto dal Governo, la nostra azienda segue scrupolosamente tutte le linee guida definite dal Ministero della Sanità e accetta con vigile osservanza tutti gli ulteriori adempimenti emanati, restando sempre sensibile al loro progressivo evolversi.

Una delle problematiche che al momento accomuna numerose imprese, che lavorano senza sosta perché considerate attività indispensabili, proprio come la nostra, riguarda la difficoltà di reperimento di mascherine. Ciò avviene in quanto le ditte fornitrici non riescono a far fronte all’elevata richiesta, che risulta essere sbilanciata rispetto ai tempi necessari di produzione delle stesse mascherine.

Noi del Gruppo Villari, sebbene manteniamo un contatto costante con tali ditte di produzione, restando in attesa della prima consegna possibile, abbiamo provveduto personalmente alla realizzazione materiale di mascherine. Tutto ciò per garantire la sicurezza e la reciproca tutela degli operatori, restando fedeli al codice etico del Gruppo Villari che vede al primo posto il rispetto e il benessere dei nostri collaboratori.

Abbiamo, quindi, realizzato delle mascherine utilizzando un tessuto leggero ripiegato a tasca, a cui abbiamo applicato un elastico alle due estremità ed infine inserito tra i due strati di cotone un filtro ai carboni attivi (come quello adoperato per gli acquari o per le cappe da cucina). Questa tipologia di materiale è in grado di assorbire ed intrappolare le molecole organiche, assicurando un livello di tutela maggiore rispetto ad una semplice mascherina composta da solo tessuto. Il filtro ai carboni attivi può essere estratto e igienizzato con il vapore di un comune ferro da stiro, mentre la mascherina in cotone può essere lavata in casa dall’operatore, utilizzando acqua calda a 90°C e opportuno detergente; ciò garantisce l’utilizzo quotidiano di una protezione sempre pulita, sicura ed efficiente.

Un ulteriore problema comune ha riguardato il reperimento di adeguati quantitativi di igienizzante per le mani e anche in questo caso, viste le difficoltà, abbiamo provveduto alla realizzazione di un prodotto efficace ed equivalente ai normali disinfettanti reperibili in commercio. La combinazione di alcool, glicerina e perossido di idrogeno (la comune acqua ossigenata), miscelati nelle opportune proporzioni, hanno permesso di ottenere un prodotto sanificante consono alle normali specifiche di utilizzo.

Inoltre, per garantire un livello di sicurezza ancor più elevato, abbiamo implementato ulteriormente le normali procedure di sanificazione degli ambienti previste dalle normative del nostro Sistema Qualità. Abbiamo quindi attivato in azienda un ulteriore processo di disinfezione di tutte le superfici, sia nel perimetro interno che  esterno, utilizzando appositi disinfettanti a base di cloro e sali quaternari di ammonio. Per garantire l’efficienza e l’efficacia di tale procedura, operiamo questa specifica attività di igienizzazione due volte al giorno.

Proprio sulla base di queste difficoltà che accomunano numerose aziende, il Gruppo Villari vuole condividere con i propri colleghi le numerose procedure messe in atto per fronteggiare le attuali carenze materiali e le difficoltà in cui ci vediamo costretti ad operare.

Pertanto, per motivi di etica professionale e per uno spirito comune di fratellanza, che unisce tutti in questo difficile momento storico della Nostra Nazione, la comunicazione e l’aiuto reciproco rappresentano le azioni più corrette per raggiungere l’obiettivo comune di tutela del lavoratore e del consumatore. Tutto ciò per garantire ai nostri concittadini un servizio sempre continuo di rifornimento dei supermercati e assicurare il reperimento di tutti i beni di prima necessità.